Concilio Vaticano II: Tradizione o Rivoluzione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Concilio Vaticano II: Tradizione o Rivoluzione?

Messaggio  Sales il Mar Set 25, 2012 6:43 pm

A cinquant’anni dal concilio si può dire che alcune cose stanno cambiando all’interno della Chiesa. Il Motu proprio Summorum Pontificum ha permesso a diversi sacerdoti di riscoprire la S. Messa tradizionale, e questo li porta spesso ad iniziare un percorso che li conduce a comprendere la profonda crisi dottrinale che sta attraversando la Chiesa, fino a riscoprire nella sua integrità tutta la dottrina tradizionale.

Viceversa le forze moderniste che sono all’origine della rivoluzione attuale, vogliono conservarne i principi generatori. Allora operano perché questo percorso si arresti unicamente all’aspetto liturgico o ancora peggio “rubricistico”, in modo che non si giunga a tutte le conseguenze che la celebrazione della S. Messa tradizionale porta in sé. Quando infatti la rivoluzione non può impedire una resistenza, cerca di incanalarla cosicché non possa intaccare i principi che l’hanno generata; sono ritirate strategiche, a volte rese necessarie dalle circostanze, che servono per recuperare coloro che ancora resistono all’uno o all’altro aspetto dei suoi sconvolgimenti. Due passi avanti ed uno indietro, questa è la sua tattica.

Così la Rivoluzione francese: dal terrore giacobino si trasforma in rivoluzione borghese con il Direttorio, poi tende la mano alla Chiesa con Napoleone, quindi apre le porte alla monarchia nella pseudo restaurazione del 1815… senza però rinunciare ai germi che la alimentano.

Oggi ciò che può soffocare la buona reazione di tanti sacerdoti e laici che si sono avvicinati alla Tradizione della Chiesa tramite la liturgia, sono coloro che limitano la resistenza cattolica alla messa tradizionale… accettando però in via di principio come “rito ordinario” la messa moderna, di chiara ispirazione protestante, e cercando di incanalare la reazione tradizionalista sotto l’autorità di Vescovi acquisiti all’ideologia conciliare: un sussulto autenticamente cattolico e controrivoluzionario si trasforma così in un pezzo da museo. Nel vasto Pantheon ecumenico post-conciliare, c’è posto per tutti, anche per gli amanti della vecchia liturgia… purché non mettano in discussione la nuova messa ed accettino le novità del Concilio. Concilio che conteneva già in germe la riforma liturgica e la crisi che si rivelò nel post-concilio, benché tutti i Padri celebrassero allora unicamente la messa tradizionale. Per una vera restaurazione delle Chiesa non ci si può accontentare di condannare gli eccessi, facendo però quadrato intorno ai principi che hanno generato la crisi!

Per questo il dibattito essenziale oggi è proprio sul Concilio: è necessario approfondirne i testi, mettere in rilievo gli errori che vi sono penetrati, evidenziarne le conseguenze dirette nella riforma liturgica, nella scristianizzazione della società, nella morte dello spirito missionario. Soltanto il rigetto degli errori conciliari ed il ritorno al magistero tradizionale, potranno liberare le forze soprannaturali della Chiesa per rigenerare le anime e la società tutta intera.

A ciò, anche quest’anno, il nostro Convegno vuole portare il suo contributo e vi invitiamo a partecipare numerosi.

http://www.sanpiox.it/public/index.php?option=com_content&view=article&id=722:concilio-vaticano-ii-tradizione-o-rivoluzione&catid=35:info-sulla-fsspx&Itemid=123

Sales
Admin

Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 25.09.12

Vedi il profilo dell'utente http://inhocsigno.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum